8 agosto 2013

Ho deciso, mi trasferisco!

Se hai deciso di trasferirti in Spagna e cerchi notizie su come vivere da queste parti, chissà questi appunti ti potranno essere utili. A questo primo articolo, introduttivo, ne seguiranno altri più dettagliati, dai primi passi burocratici, alla ricerca di un lavoro (sì, anche con il 27% di disoccupazione, un lavoro si trova ;), alla cucina, allo stile di vita, etc… in uno dei paesi che siamo abituati a considerare molto simile al nostro, ma che in realtà presenta abitudini e stili di vita molto diversi rispetto a quelli a cui siamo abituati.

"Quando sono stato a Barcellona, capivo tutto e mi capivano perfettamente"
Ecco, questo è il primo errore che un italiano fa prima di trasferirsi da queste parti. Pensare che lo spagnolo sia semplice da capire e, sopratutto, da parlare. Innanzitutto a Barcellona, dove il 90% degli italiani va in vacanza quando si reca in Spagna, si parla catalano e non solo castellano (ovvero spagnolo) e quindi, sì, è più semplice da capire.
La lingua spagnola, a cui dedicherò un breve articolo, è simile, ma non uguale, all'italiano. Ed anche se da queste parti sono molto disponibili con gli stranieri, e quindi è possibile che dal primo giorno, capirete l'80% di quello che dicono, non vi illudete… lo spagnolo va imparato. E bene. Quindi, non è sufficiente mettere le "s" alla fine di ogni parola. Anche perchè qui l'inglese, anche nei posti di lavoro, si parla meno che in Italia.

"In Spagna fa caldo e c'è sempre il sole"
Tipico luogo comune e, a meno che non avete pensato di trasferirvi alle Canarie, ovvero nel continente africano, il clima qui è come in Italia. C'è l'estate, calda, caldissima al sud, c'è la primavera, l'autunno e l'inverno, freddo e nevoso come da noi. E poi, c'è il clima di Madrid. Estremo, dovuto alla posizione geografica, che lo vede al centro di una enorme distesa, esattamente al centro della penisola iberica, e per giunta a 600 metri sul livello del mare.
Insomme, qui una pizza 4 stagioni, non avrebbe senso. Esiste l'inverno, ed esiste l'estate. Ed un paio di giorni, per adattarsi ad un cambio climatico di almeno una decina di gradi, in più ed in meno, che potranno manifestarsi, verso metà giugno, per il passaggio dall'inverno all'estate e fine settembre per il contrario.
A Madrid insomma, il clima è di tipo continentale. D'estate fa caldo, caldissimo. Si arriva a punte di oltre 40 gradi, anche se, per me originario di Roma, è molto più sopportabile, visto che non è umido come all'ombra del Cupolone. D'inverno invece nevica quasi sempre e la temperatura scende anche sotto zero.

Prima di concludere questo primo articolo su Madrid, mi soffermo su quello che sarà il vostro primo impatto, una volta atterrati a Barajas (a proposito la T4 è architettonicamente una meraviglia) e saliti sulla metro per il centro città. L'ordine e il senso civico degli spagnoli sui mezzi di trasporto, di cui parlerò in questo articolo, riflette quello che poi è la vita quotidiana.
A questo aggiungete lo spirito latino, la cordialità, l'accoglienza, la voglia di divertirsi e l'ottimismo (sì, anche con il 27% della disoccupazione ed una crisi spaventosa) ed il mix del paese e della città perfetta (o quasi) che avete immaginato, si è d'incanto realizzato.

Perchè Madrid in realtà non è niente di così speciale. Non ha un grande fiume, nè canali, nè laghi. Nè gloriose rovine. Nè il mare. A Madrid gli mancano molte cose. Però ha la gente per la strada. L'angolo inaspettato. La varietà ed i contrasti. Il movimento costante. E le sue abitudini. Vale la pena, almeno una volta, svegliarsi presto e vivere un giorno la vita di Madrid”

(Questo detto, scritto negli anni '60, indicava anche che manca(va)no i grattacieli. Ora ci sono, ma non sono integrati ed amati dai madrileñi, nella stessa misura che in altre grandi capitali)

3 commenti:

  1. Ciao, io ho intenzione di trasferirmi a Madrid, però verrò a Settembre 10 giorni giusto per vedere la città, e farmi un'idea.
    La mia situazione qui in Italia è disperata ed urgente. Ho bisogno di avere una buona possibilità in quei 10 giorni.
    Non posso raccontare qui tutta la mia storia.
    Tu hai qualche consiglio o suggerimento?
    E' possibile mettersi in contatto con te?

    RispondiElimina
  2. Ciao Angela,
    Qui la situazione non è proprio delle più rosee in questo periodo, anche se sembra lentamente migliorare. La qualità della vita è però molto alta ed i costi minori rispetto alle nostre grandi città. Non so però in che settore cerchi, quali sono le tue esperienze ed il tuo livello di spagnolo ma spero di poterti essere utile in qualche modo. Scrivimi in privato se vuoi a questo indirizzo di email
    lukscito[@]gmail[.]com

    Ciao

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina